La bioeconomia può rispondere alle sfide ambientali di domani? Obiettivo carbonio zero per il 2050: utopia o sfida


Ridurre la propria impronta di carbonio rimanendo competitivi, obiettivi che a prima vista sembrano inconciliabili, ma l'ambizione di un mondo senza carbonio è la sfida economica e sociale di domani.

 

Intervista Christophe Rupp-Dahlem, Presidente del cluster Industrie Agro Ressource (IAR) e direttore degli affari pubblici del gruppo Roquette.

 

Una consapevolezza collettiva sta portando le industrie a impegnarsi in una transizione ecologica: dalla biomassa alla bioeconomia, la crescita verde è una sfida futura per il mondo. Al centro delle politiche energetiche, la decarbonizzazione sembra essere diventata un obiettivo globale.


Sostituire i suoi componenti petrolchimici con risorse rinnovabili: una dinamica che è ancora vincolata dall'economia, ma che potrebbe rispondere alle sfide future.

 
L'IAR è uno dei principali attori della bioeconomia francese e i suoi 450 membri includono leader mondiali nella produzione e nel trattamento della biomassa, come Roquette, un pioniere nella ricerca delle proteine vegetali.

 

Sostenere gli attori nei loro progetti di innovazione a beneficio della bioeconomia è la missione del cluster IAR, in cui Christophe Rupp-Dahlem è coinvolto da oltre 10 anni. Il presidente del cluster definisce la bioeconomia come tutte le attività di produzione e trasformazione della biomassa per la produzione alimentare, industriale ed energetica.


Dal campo al consumatore, i materiali agricoli si trasformano in numerose soluzioni per l'industria nelle nostre applicazioni quotidiane. Anche se la chimica a base vegetale esisteva molto prima della scoperta del petrolio, sembra che stia gradualmente riguadagnando il suo posto nell'industria come risposta alla sfida climatica.

 
Oggi, sempre più aziende si stanno muovendo verso l'obiettivo comune di ridurre la loro impronta di carbonio utilizzando molecole di origine biologica, ma il fattore prezzo sembra essere ancora un ostacolo al loro sviluppo.

 

Tra i 17,5 milioni di persone interessate dalla bioeconomia in Europa, il mercato alimentare rappresenta da solo il 50% degli sbocchi in termini di volume.

 

Anche altri settori come quello cosmetico e farmaceutico si stanno sviluppando a partire dalla biomassa, sostituendo componenti controversi o per differenziare prodotti che offrono nuove proprietà.


L'obiettivo del 20% di chimica da risorse rinnovabili non è ancora stato raggiunto, ma la tendenza è piuttosto ottimista, in particolare nei mercati di specialità dove si stanno sviluppando nuove applicazioni, in particolare pitture, vernici, ecc, mentre allo stesso tempo i prodotti biobased sono favoriti dall'introduzione di regolamenti per controllare l'impatto ambientale.


Come produttore di fluidi di processo e membro attivo dello IAR, Climalife è stato un pioniere nella ricerca di molecole di origine biologica: dalla betaina alla fermentazione di piante nelle sue formulazioni, Climalife può oggi testimoniare il crescente interesse dei suoi clienti per i suoi prodotti di nicchia.



La decarbonizzazione: una leva di crescita e performance per l'industria?

 

Con le risorse fossili sempre più scarse, l'uso della biomassa non solo aiuta a preservarle ma potrebbe essere un fattore di performance per le industrie.

L'efficienza energetica, il controllo dei costi, la diversificazione dei prodotti e lo sviluppo dell'economia circolare sono modi efficaci per guadagnare competitività.

Intensificando la ricerca sulle biotecnologie industriali, i processi che sono molto meno energivori e quindi più rispettosi del ciclo di vita possono preparare il futuro in un momento in cui molte aziende si stanno muovendo verso un percorso a zero carbonio.
 
Investire nell'innovazione per preparare le molecole del futuro e lavorare mano nella mano per convincere i mercati interessati è la chiave per il futuro del biobased.

Le opportunità rimangono nei prodotti innovativi che hanno un'impronta di carbonio migliore dei prodotti a base di petrolio presenti oggi sul mercato. Lo sviluppo dei prodotti biobased è ancora inequivocabilmente legato al prezzo del petrolio, e la giusta combinazione di costi di investimento e impatto ambientale deve essere trovata per il futuro.

 

 

 

 

 

 

« La sfida per le industrie del futuro è sapere come attuare la decarbonizzazione cercando di limitare le emissioni di CO2 in termini di energia consumata e di processi di trasformazione utilizzati. » Conclude Christophe RuppDahlem