Considerazioni sulla sicurezza quando si utilizza un fluido termovettore nel settore della lavorazione e dello stoccaggio di alimenti/bevande


Emma Bardolph, Responsabile Marketing & Business Development Manager di Climalife per i Fluidi di Trasferimento del Calore (HTF) ce ne parla:

 

 

Può dirci qualcosa di più sul ruolo che i fluidi termovettori svolgono nel settore della lavorazione e dello stoccaggio di alimenti e bevande ?

 

Frozen raspberriesEB: Sia che si tratti di raffreddare o riscaldare un componente o un prodotto, di fornire una cella frigorifera o di congelare, ogni impianto ha le proprie esigenze specifiche. Il settore dello stoccaggio di alimenti e bevande deve ottimizzare l'efficienza energetica dei suoi impianti termici, al fine di prolungare la vita dello strumento di produzione e di ridurre al minimo Le emissioni di carbonio.

 

I fluidi termovettori sono stati a lungo utilizzati nel settore alimentare e delle bevande per fornire un raffreddamento secondario, utilizzando più comunemente l'ammoniaca come refrigerante primario. Quando l'HCFC R-22 è stato vietato, molti dei sistemi più grandi sono stati sostituiti da un sistema di ammoniaca / glicole, con l'ammoniaca che raffredda il glicole nel sistema secondario.

 

 

Ci parli della scelta del fluido termovettore quando viene utilizzato nelle aree di trasformazione e conservazione degli alimenti?

 

EB: La scelta dei fluidi termovettori per l'utilizzo in aree di lavorazione e stoccaggio di alimenti/bevande significa che non è possibile utilizzare prodotti classificati come nocivi. Ad esempio, il glicole monoetilenico (MEG), anche se è a basso costo e ha eccellenti proprietà di trasferimento del calore. I fluidi di trasferimento del calore non sono additivi alimentari, né devono esserlo, ma devono comunque essere adatti all'uso nelle fabbriche alimentari.

 

Paesi diversi possono avere requisiti di approvazione diversi. Suggeriamo che il fluido termovettore utilizzato abbia l'approvazione di un paese europeo riconosciuto.

 

 

Climalife offre HTF adatti al settore alimentare e delle bevande ?

 

Greenway Friogel



EB: Sì. I fluidi termovettori Greenway® Neo sono realizzati con 1,3 propanediolo di origine vegetale e fluidi a base di MPG come il Friogel® Neo, il cui utilizzo in questo settore è autorizzato dalla Direzione della Sanità Pubblica, in conformità con l'ANSES (ex AFSSA). Questi fluidi secondari trasportano energia a temperature sia al di sotto del punto di congelamento dell'acqua che al di sopra, proteggendo dal congelamento e dalla corrosione.

 

Ciascuno di essi è formulato con inibitori di corrosione per proteggere il sistema e può essere diluito a seconda del livello di protezione del punto di congelamento desiderato. La protezione antigelo nell'intervallo da -15°C a -25°C è tipica dei punti di forza che tendono ad essere utilizzati anche se il Greenway® Neo ha la capacità di arrivare a -55°C specificamente per l'uso nell'industria alimentare e delle bevande.

 

 

Quali misure di sicurezza devono essere adottate quando si utilizzano gli HTF in un ambiente di alimenti o bevande?

 

EB: Per le aree di produzione e stoccaggio di alimenti/bevande, Climalife raccomanda che l'impianto sia progettato in modo da evitare e prevenire qualsiasi contatto del fluido termovettore con prodotti alimentari o bevande. Si raccomanda inoltre una buona manutenzione e un controllo annuale dello stesso.

Tuttavia, la contaminazione o il contatto noto di un fluido termovettore su o con un prodotto alimentare o una bevanda, anche se il fluido non è classificato come nocivo dalla normativa, dovrebbe rendere il prodotto non idoneo al consumo. A titolo precauzionale, il prodotto contaminato dovrebbe essere ritirato dal mercato in quanto non è elencato come ingrediente del prodotto e distrutto indipendentemente dall'approvazione del fluido.

 

 

In qualità di produttore di HTF, Climalife ha il know how e le competenze specialistiche per rispondere ai bisogni del mercato.

 

In tutta Europa Climalife assiste molte aziende industriali, installatori e professionisti delle applicazioni termiche nella progettazione, realizzazione e gestione delle loro apparecchiature e impianti, offrendo soluzioni mirate dove il fluido termovettore può servire al processo di produzione o conservazione dei prodotti alimentari.

 

Scoprite tutta la gamma dei termovettori